Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Progetti Alma Sostegno ai Minori L'Adozione della piccola Ruslana: come crescere assieme ad un figlio a distanza

Si dice che i genitori crescano con i propri figli. Anche quando si è “Genitori a distanza” si ha questa percezione: Vedere i propri “figli” crescere. La consapevolezza  che quello che gli si da è importante per loro e la loro famiglia ci aiuta ad essere maggiormente consapevoli dell’importanza di un progetto come questo.  Tutto cominciò tanti anni fa, quando decidemmo di iniziare l’esperienza del sostegno a distanza per amore verso i più piccoli. E proprio l’amore ci ha fatto capire cosa significhi aiutare e grazie a lui abbiamo capito il valore della gratuità.

Le lettere, le telefonate e gl’ incontri, ci trasmettono sempre un forte attaccamento a questo gesto semplice; un piccolo aiuto che in realtà cela un’eccezionalità incredibile. Perché tramite un gesto, un bambino, una comunità, possono trovare un’alternativa alla rassegnazione e miseria in cui spesso vivono. Si rende possibile una mano tesa, qualcuno che gli sia accanto nelle difficoltà che incontrano e li possa aiutare. Non è una formula che salverà il mondo, ma una presenza.

Così, quando si presentò l’occasione di adottare la piccola Ruslana tutti noi con la Fondazione AlMa non esitammo. Fu il primo progetto che decidemmo di mettere in atto. Il primo battito di Alma.  Ruslana era una bimba di circa cinque anni ed era fortemente denutrita. La sua famiglia, numerosa e povera non è mai stata all’altezza dei suoi bisogni. I suoi genitori non sono riusciti a superare i problemi dellla mancanza di lavoro, di soldi e della possibilità di coprire le necessità elementari della “famiglia”. Ruslana è cresciuta nella miseria.

Padre, madre, un fratello più grande e una sorella mezzana formavano il suo nucleo familiare: Aiutare lei significava aiutare tutte e cinque.

Ruslana e non solo lei, aveva bisogno di più cose, di più persone. Aveva bisogno di avere una speranza che le permettesse un giorno di disegnare. E noi abbiamo sentito il dovere morale di disegnare sul suo viso un sorriso e di dare a lei ed alla sua famiglia una possibilità di vita.

 

Da quel 2005 sono passati dieci anni e Ruslana è cresciuta, ed assieme a lei siamo cresciuti noi. Da un piccolo progetto di “aiuto a distanza” siamo arrivati a realizzarne ben trentacinque che hanno visto il sostegno a lei, ai bimbi in Brasile, a ragazzi ed adulti Italiani che soffrono di disagio esistenziale. Abbiamo creato poi oltre quaranta angoli di Alvise, realizzato Borse di Studio. E mentre Ruslana ci raccontava la sua storia, noi mettevamo assieme un collage di progetti atti a renderci sempre più impegnati nel sociale. Oggi Ruslana è una signorina bellissima. Due occhi grandi, limpidi e pieni di luce per guardare il mondo. Ma ha dovuto affrontare difficoltà davvero grandi: Il padre lasciò il tetto coniugale per poi morire lasciando la famiglia in balia di se stessa. I soldi si facevano sempre più rari. Così decidemmo di aumentare il nostro impegno; andammo oltre il budget iniziale e donammo alla sua famiglia delle somme aggiuntive. Ad oggi la Fondazione ha rinnovato il suo impegno fino a tutto il 2016. Un impegno che ci permette di vedere crescere lei e di sentirci crescere noi… Il nostro impegno durerà senz’altro fino alla sua maggiore età, che corrisponderà con il nostro 12° anno di attività.. Dodici anni assieme sono un percorso di vita importante, un percorso di vita fondamentale: per noi e per lei.  Desideriamo farvi leggere la sua prima lettera, quella che ci arrivò ad ottobre del 2005, perchè il cammino di Alma inizia così. Con Lei. E con questo gesto desideriamo dire grazie a tutti coloro che ci hanno permesso, ci permettono e ci permetteranno di portare avanti i nostri impegni  rivolti ai più deboli, agli innocenti. Per far si che tante piccole Ruslana possano guardare al futuro con serenità e gioia. Perchè possano avere un futuro migliore.. Un cammino che ancora oggi continua. 

Di seguito vi raccontiamo la storia di Ruslana e la sua vita attraverso le lettere che periodicamente ci manda.

Grazie a tutti coloro che ci hanno permesso di realizzare questo nostro primo impegno rivolto al mondo dell’infanzia. 

 La storia di Ruslana

 Le lettere di Ruslana

 Modulo di donazione

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Maggio 2015 10:08
 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta