Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Progetti Alma Fondazione Lar Tia Infantil Prima Relazione Dottoressa Aurea Cristina do Nascimento
Prima Relazione Dottoressa Aurea Cristina do Nascimento PDF Stampa E-mail

 Aprile 2006

 

La Fondazione accoglie una media da 55 a 60 persone tra bambini e adolescenti, con età che varia tra 1 e 18 anni. La loro scolarizzazione è molto variabile, ma il fattore che li accomuna è il loro basso livello scolastico. Solo tre adolescenti frequentano una scuola superiore e in ogni caso le loro conoscenze non corrispondo al livello che frequentano. Gli altri adolescenti frequentano le Medie, tra il 5° e l’ 8° livello.

I bambini tra gli 8 e 11 anni sono fuori corso, cioè sono indietro. La maggior parte frequenta la 2ª o la 3ª elementare e non sanno  leggere e scrivere e sono pochi quelli che sanno scrivere il proprio nome.

Si percepisce che la maggior parte dei bambini di questa Fondazione sono analfabeti e hanno ricevuto un insegnamento precario. Hanno due insegnanti di sostegno, vincolati alla Prefettura Municipale di Vitoria di Santo Antao. Uno di loro fa l’orario di mattina e l’altro quello di pomeriggio, ma dalle informazioni ricevute, spesso non sono presenti e questo fattore non aiuta certo i bambini nel recupero scolastico.

Un altro problema che riguarda i bambini e parte degli adolescenti della Fondazione è la salute dentale. Tanti hanno delle carie e incominciano a perdere i denti. Sono stata informata che una equipe del PSF (Programma di Salute Famigliare) visita la Fondazione con regolarità, ma non mi è stato detto la frequenza di queste visite e nemmeno chi sono i componenti di questa equipe. Da   quello che ho visto, però, direi che le visite non sono cosi frequenti visto che la salute dei bambini non è migliorata, cioè continuano ad avere i denti con le carie e altri problemi di salute.

Nella Fondazione i bambini sono divisi nel seguente modo: i più piccoli (1 – 7 anni), i medi (8 – 12 anni) e i più grandi (adolescenti). Il lavoro si sta svolgendo fondamentalmente con i bambini medi, soprattutto perché la maggior parte dei bambini della Fondazione sono in questa fascia di età. Peraltro la diversità di età fra di loro non è grande e questo fattore facilita lo sviluppo del lavoro.

Con i piccoli è più difficile lavorare, perché la differenza di età fra di loro è grande e in più ci sono sempre bambini nuovi che arrivano e altri che se ne vanno. I bambini arrivano in Fondazione, stanno lì poche settimane, dopodiché vanno via perché ci sono delle famiglie che vengono a prenderli,  questo è un vero problema per lo sviluppo del lavoro. Per quanto riguarda gli adolescenti, sono stata informata che i ragazzi non vogliono partecipare alle attività. Uno dei motivi è il compito che ognuno di loro deve sviluppare durante la giornata.

Per quanto riguarda il lavoro, il metodo applicato è quello della dinamica di gruppo. E’ stato scelto questo metodo per facilitare il rapporto di gruppo proponendo delle attività in cui non c’è la necessità di leggere e scrivere. Attraverso il gioco si percepisce che i bambini hanno una grossa difficoltà nel relazionarsi, spesso usano  delle  parole offensive fra di loro. Quindi, tutte le attività svolte sono mirate fondamentalmente a rafforzare il concetto di gruppo.  Se si tiene presente la vita e la storia di ognuno di loro è molto importante risvegliare e lavorare sul senso della collettività. Si lavora anche su altri concetti: vincoli affettivi, famiglia, regole di convivenza e amicizia sono alcuni esempi.

Bisogna sottolineare però che gli adolescenti non hanno dimostrato nessun interesse per partecipare alle attività proposte, gli incontri con i bambini medi hanno in comune la partecipazione di alcuni adolescenti, questo può essere considerato come un possibile risveglio d’interesse di alcuni di loro.

Qualche volta vengono realizzate attività parallele con i piccoli, anche se non è molto frequente perché sono bambini che si distraggono con facilità e questo fa in un certo modo che anche gli altri bambini (i medi) si disperdano, impedendo così lo sviluppo delle attività e del lavoro.

 Aurea Cristina do Nascimento

Psicologa CRP/02 11.643

Seconda Relazione Dottoressa Aurea Cristina do Nascimento

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta