Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Progetti Alma L'Adozione della piccola Ruslana
L'Adozione della piccola Ruslana
26 aprile 1986 un gravissimo incidente nucleare alla centrale atomica di Chernobyl, il più grande della storia dell'utilizzo dell'enegia nucleare, devasta un territorio vastissimo che coinvolge i territori e le popolazioni di tre grandi Paesi: Bielorussia, Ucraina e Russia,. Masse d’aria radioattive girovagano per tutta l’Europa causando paura e panico. I danni all’ ambiente e alle popolazioni colpite sono incalcolabili, la notizia fa il giro del mondo. I media non parlano d’altro... Sono trascorsi tanti anni e per molti di noi tutto questo è un lontano ricordo. Ma purtroppo le popolazioni locali, in particolar modo in Bielorussia, pagano ancora oggi direttamente o indirettamente le conseguenze di quel lontano incidente. Dopo quasi trent’anni ancora milioni di persone vivono in zone altamente contaminate dalla radioattività prodotta dall’esplosione di quel 25 aprile 1986. Nel 2005 Alma compie il primo passo del proprio cammino. Quando la conoscemmo, la piccola Ruslana si trovava in una situazione di indigenza molto grave. Terza figlia di una famiglia di contadini di un piccolo villaggio rurale privo di tutto. A causa dell’assoluta mancanza di scuole, ospedali, servizi ed assistenza non ha potuto frequentare alcuna scuola. Solo grazie al nostro intervento ha potuto svolgere attività educative all’interno della scuola dell’obbligo, al compimento del sesto anno d’età. Nel 2006 finalmente Ruslana potè conoscere per la prima volta Babbo Natale che le portò in dono una bella bicicletta nuova. Purtroppo nel 2009 il padre di Ruslana ha lasciato il tetto coniugale, abbandonando la famiglia al proprio destino. Morì nel 2011 rendendo ancora più difficile la situazione emotiva ed economica di tutti. Davanti a questa ulteriore tragedia, non ci siamo tirati indietro. Anzi. La Fondazione ha amplificato il proprio sostegno sostenendo Ruslana ed i suoi fratelli in ogni esigenza. Oggi il fratello maggiore Sergey, frequenta con profitto l'Università. La sorella Alina, invece, ha scelto studi umanistici e frequenta il liceo. Oggi il nostro intento è quello di poter incrementare l’aiuto alla sua famiglia. Infatti a partire dal 2012 abbiamo aumentato i nostri sforzi, per aiutarli non solo a crescere nel calore e nella sicurezza familiare ma anche a ricevere una buona istruzione grazie a cui i ragazzi potranno trovare un buon lavoro, per poi affrontare la vita in modo autonomo e sereno.
Nel 2005 Alma compie il primo passo del proprio cammino.
Quando la conoscemmo, la piccola Ruslana si trovava in una situazione di indigenza molto grave. Terza figlia di una famiglia di contadini di un piccolo villaggio rurale privo di tutto. A causa dell’assoluta mancanza di scuole, ospedali, servizi ed assistenza non ha potuto frequentare alcuna scuola. Solo grazie al nostro intervento ha potuto svolgere attività educative all’interno della scuola dell’obbligo, al compimento del sesto anno d’età. Nel 2006 finalmente Ruslana potè conoscere per la prima volta Babbo Natale che le portò in dono una bella bicicletta nuova.
Purtroppo nel 2009 il padre di Ruslana ha lasciato il tetto coniugale, abbandonando la famiglia al proprio destino. Morì nel 2011 rendendo ancora più difficile la situazione emotiva ed economica di tutti. Davanti a questa ulteriore tragedia, non ci siamo tirati indietro. Anzi. La Fondazione ha amplificato il proprio sostegno sostenendo Ruslana ed i suoi fratelli in ogni esigenza. Oggi il fratello maggiore Sergey, frequenta con profitto l'Università. La sorella Alina, invece, ha scelto studi umanistici e frequenta il liceo.

Oggi il nostro intento è quello di poter incrementare l’aiuto alla sua famiglia. Infatti a partire dal 2012 abbiamo aumentato i nostri sforzi, per aiutarli non solo a crescere nel calore e nella sicurezza familiare ma anche a ricevere una buona istruzione grazie a cui i ragazzi potranno  trovare un buon lavoro, per poi affrontare la vita in modo autonomo e sereno. 
Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Visite
1 Lettera di Ruslana Pasqua 2015 694
2 Lettera di Ruslana Ottobre 2014 733
3 Lettera di Ruslana Novembre 2013 756
4 Lettera di Ruslana Pasqua 2013 752
5 Lettera di Ruslana Dicembre 2012 1180
6 Lettera di Ruslana Gennaio 2012 1320
7 Lettera di Ruslana Dicembre 2011 1367
8 Lettera di Ruslana Pasqua 2011 1409
9 Lettera di Ruslana Gennaio 2011 1428
10 Lettera di Ruslana Dicembre 2010 1425
11 Lettera di Ruslana Ottobre 2010 1514
12 Lettera di Ruslana Pasqua 2010 1474
13 Lettera di Ruslana Dicembre 2009 1559
14 Lettera di Ruslana Settembre 2008 1799
15 Lettera di U.Marotta a Ruslana 11 luglio '08 1707
16 Lettera di Carmen a Ruslana 22 Luglio 2008 1723
17 Lettera di Ruslana Febbraio 2008 1755
18 Lettera di Ruslana Gennaio 2008 1805
19 Lettera di Ruslana Febbraio 2007 1738
20 Lettera di Ruslana Ottobre 2007 1795
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 2

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta