Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home La Fondazione Incontri pubblici Primo Ciclo di Incontri - "Levar le mani su di sè"
PDF Stampa E-mail

"Levar le mani su di sé"

Coordinatore: dr. Roberto Cargnelli

Redazione progetto: prof.ssa Anna Minio

 

Comitato Scientifico: dr. Roberto Cargnelli, dr. Luigi Colusso, dott.ssa Gina Di Cataldo, prof.ssa Anna Minio

 Il primo ciclo di incontri è stato aperto a tutte le figure di educatori, nel senso esteso del termine, e aveva per tema il rapporto tra adolescenti e il suicidio. Si è deciso di affrontare questo argomento, delicato e complesso, per creare ed offrire un'occasione di riflessione su un aspetto della vita giovanile con cui molti hanno drammaticamente fatto i conti, in particolare, durante questi ultimi anni.  

   

  1. Giovedì 21 ottobre 2005: prof. Salvatore Capodieci "Il suicidio giovanile: modalità, significati e impatto sui sopravvissuti". Scarica le slide in versione PDF: 2 slide per foglio 4 slide per foglio, spiega meglio.
  2. Giovedì 27 ottobre 2005: prof. Francesco Campione "La storia naturale dei suicidi, riusciti e tentati: il prima e il dopo." 
  3. Giovedì 10 novembre 2005: dott.ssa Gina Di Cataldo "Un lutto improvviso colpisce la scuola: un’ipotesi di intervento. Presentazione di un progetto di prevenzione."
  4. Giovedì 17 novembre 2005: dott. Luigi Colusso "Adolescenti e suicidio"
  5. Giovedì 24 novembre 2005: prof. Marco Sambin "Spazio dei partecipanti: valutazione del percorso compiuto"
Obiettivi del primo ciclo di incontri

La morte del compagno o della compagna di classe fa vivere una dimensione assolutamente straordinaria del dolore, in quanto evento che appare non naturale, non legato al caso/incidente e/o a malattia. I compagni hanno la necessità di rielaborare il lutto e con essi l'educatore che si trova anch'esso ad affrontare la morte in una dimensione che poco si comprende e ancor meno si accetta. Prima di poter essere di aiuto l’educatore ha bisogno di rielaborare la propria condizione di dolente, di cercare di riflettere sulla perdita non come sconfitta umana e professionale, di non rimuovere il senso di colpa che, più o meno consapevolmente, lo attraversa quanto piuttosto di affrontarlo e elaborarlo. Il primo obiettivo degli incontri, dunque, è stato di porre la necessaria attenzione sulla persona che ha bisogno di far propri strumenti professionali per interagire con se stesso in prima istanza e solo poi con i giovani. La centralità dell’educatore da noi sottolineata va intesa come conditio sine qua non per affrontare adeguatamente il secondo obiettivo dell’iniziativa e cioè la relazione con la classe e con i singoli alunni che in un certo senso vivono la dolorosa esperienza di essere vivi

 Finalità generali del primo ciclo di incontri

L'esperienza della morte di uno studente o di un suo familiare o amico è sempre un evento difficile da affrontare; come abbiamo visto, lo è anche dal punto di vista della comunicazione e della relazione scolastica e della elaborazione del cordoglio conseguente. L’evento è ancora più drammatico se provocato volontariamente/ autoprovocato. Nel caso del suicidio di un adolescente che è allievo e compagno, rispettivamente di insegnanti e di adolescenti come lui/lei, maggiormente complessa è la riflessione sull'atto di "levar la mano su di sé", per le implicazioni relazionali, affettive, professionali, psicologiche. Rielaborare il distacco è molto più difficile per tutti i soggetti coinvolti, affrontare la perdita e l'implicito - anche se raramente verbalizzato - senso di colpa, è esperienza che segna profondamente l'educatore in quanto persona e poi, gli allievi e le famiglie. Si è inteso creare, con l’aiuto di esperti, una occasione di riflessione e discussione comune su questo tema specifico. 

E' disponibile on-line il deplian del Primo Ciclo di Incontri avviato dalla Fondazione Alvise Marotta.

Articolo dedicato a questo evento da "Il Gazzettino"

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta