Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Il Ricordo Il pensiero di Alvise L’Europa dei giovani sta volando ben alto, al di là delle monete uniche
L’Europa dei giovani sta volando ben alto, al di là delle monete uniche
Il Ricordo - Il pensiero di Alvise

Articolo pubblicato sul quotidiano “Nuova Venezia”  in data 15 luglio 2001

Caro direttore, sono uno studente universitario della facoltà di Lingue e letterature straniere di Cà Foscari e quest’anno essendo ormai molto vicino alla laurea , mi sono recato come studente Erasmus in Francia a Montpellier, una esperienza bellissima che ora mi accingo a raccontare.
Per prima cosa mi sono accorto quanto importante sia l’eliminazione di ogni pregiudizio, di ogni luogo comune, per capire bene il termine Europa, nata politicamente con il Trattato di Maastricht il 7 febbraio 1992. Il nuovo Trattato ci  propone già da ora ma ufficialmente con il primo gennaio 2002 di ricondurre in un quadro unitario - sia pure con un diverso grado d’integrazione- alcuni grandi aspetti tipici della sovranità nazionale: la moneta unica, la politica estera e di difesa, la libera mobilità scolastica,  la sicurezza interna e la giustizia. Partire per questa esperienza per uno studente con il mio carattere era dunque una tappa obbligatoria per la propria formazione. Ho visto in prima persona quanto importante sia l’integrazione fra i popoli, quanto indispensabile sia il dialogo fra giovani studenti di diverse nazionalità che lavorano tutti per lo stesso obiettivo e con l’intesa che La Comunità Europea, non sarà più soltanto uno spazio economico omogeneo ma potrà e dovrà avere anche un anima per reggersi in piedi e portare a termine il sogno. Quel sogno che già cullava in quel passato che è divenuto presente per consacrarsi a mito, nella mente di John Lennon nella pace e nella tranquillità della campagna inglese. Da lui e da quei posti non potevano che uscire le parole e la melodia di Immagine: “immagina un mondo di solidarietà senza confini, di amicizia e amore dove non ci saranno più muri, ma solamente libertà, sogno, ideali di poesia e di musica, dove tutto il sapere deve misurarsi con loro. Riformulando i vari concetti, la musica diviene letteratura e con uno scambio magico la letteratura musica. Mi viene da citare per esempio A. Savino, scatola sonora, Milano pag. 279, “se la musica non scorre, non è più musica. Scorrevolezza e continuità di ritmo sono il fiato della musica: l’espressione dell’ideale moto della vita non come è, ma come vorremmo che fosse, la musica esprime in maniera più trascinante, come la letteratura, l’ideale moto della vita; è perché nella musica l’uomo ritrova quella stessa libertà ed ebbrezza che gli danno le corse veloci e soprattutto il volo”.
E l’Europa dei giovani sta volando ben alto aldilà delle monete uniche, dei trattati internazionali, del caffè ristretto, vola per costruire intelligenze fatte di emozioni, di sogni e di sana praticità. 

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta