Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Il Ricordo C'è posta per te Il periodo universitario a Ca' Foscari
Il periodo universitario a Ca' Foscari

 Sono molte le lettere, le mail che ho ricevuto in questi anni e molti ancora sono stati gli  incontri che ho avuto, a Mestre, presso la sede della Fondazione a lui dedicata,  con chi lo ha conosciuto durante il periodo in cui frequentava  l’Università veneziana, dall’autunno 1996 in poi, sia come compagno o docente del suo corso di laurea, che come amico che si è conosciuto al bar prendendo un caffè, durante un evento culturale o anche frequentando i vari dipartimenti o i campielli intorno alle sedi di Ca’ Foscari, a due passi da piazzale Roma.

Una università antica, che fu fondata nel 1868 come "Scuola superiore di commercio" da Luigi Luzzatti, e che è stata la prima istituzione italiana ad occuparsi dell'istruzione superiore in ambito commerciale ed economico. La scuola si proponeva nei primi decenni di fornire ai commercianti un'adeguata preparazione teorica e di formare i futuri professori di materie economiche degli istituti di istruzione secondaria. Si ispirò al modello dell'Istituto superiore di commercio di Anversa, che dal 1853 affiancava all'insegnamento teorico quello pratico e fin dalla sua nascita comprese l'insegnamento delle lingue straniere, sia occidentali che orientali, il cui approfondimento era considerato fondamentale completamento dello studio delle discipline economiche.

E Alvise nel 1996, terminate le scuole medie superiori, scelse Lingue e Letterature Straniere dopo aver partecipato, a fine estate, ad un ciclo di undici incontri “Porte aperte all’università” che gli diedero la possibilità di riconoscere e scegliere quello che fra gli undici corsi di laurea allora avviati era quello giusto per lui.

Nuove conoscenze, in alcuni casi amicizie, nacquero così con studenti che provenivano da altre città e l’agenda personale dove Alvise annotava quotidianamente ogni novità, riporta non solo nomi e numeri di cellulare ma anche gli incontri di studio che aveva con loro.

Ricordo ancora i tanti nominativi  e i profili dei suoi colleghi di studio che mi presentò in varie occasioni spesso con l’obiettivo di poter dare loro una mano a trovare una occupazione. E così è stato fino alla sua ultima settimana di vita quando mi passò la telefonata di una sua cara amica, laureata da poco in  lingue, che cercava appunto un lavoro e che non più tardi di un paio di mesi dopo la sua salita al cielo sono riuscito ad accontentare. L’ultima sua segnalazione.

Alvise ha comunque sostenuto tutti gli esami previsti dal suo Corso di laurea in Lingue e Letterature Straniere, anzi per la verità ne ha sostenuti tre in più, come risulta dal suo piano di studi, che di seguito potrete leggere e che nel mese di maggio del 2004, un paio di anni dopo la sua salita in cielo, ho richiesto alla segreteria studenti.

Tutti gli esami sono stati superati con esito positivo e  l’ultimo è stato Glottologia, sostenuto mercoledì 20 marzo 2002, appena due giorni prima di salire in cielo.

E oggi dopo aver letto il suo piano di studi,  ma anche gli attestati del prof. Dominique Triaire, all’epoca direttore del Dipartimento di Lettere Moderne della Università Paul Valéry di Montpellier, dove Alvise aveva soggiornato per circa un anno, fra la fine del mese di luglio del 2000 e il mese di maggio del 2001, della prof. Annie-France Laurens e del prof Pierre Marie Hèron della Paul Valéry e del prof. Francisco Josè Martin della Università degli Studi di Siena, ecco trenta contributi, certamente il pacchetto di posta  più grande fra gli undici che ho preparato per lui.

E con questi i messaggi pubblicati sono veramente tanti, settantuno, e la scatola di cartone rosso si sta nuovamente riempiendo e quando la richiuderò andrà a far parte della sezione del Centro Documentazione Alma che raccoglie l’archivio della Fondazione ma anche i suoi documenti, catalogati ed elencati.  Sono certo che sarà felice di leggerli e di ritrovare così chi ha conosciuto durante il periodo dedicato agli studi universitari.

 

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta