Elisabetta Brusa Stampa

Cafoscarina e regista teatrale veneziana. Avevo conosciuto Elisabetta in occasione del conferimento del Premio Cafoscarino dell’anno che le era stato assegnato alla fine del 1995, nella splendida cornice dell’Auditorium di Campo Santa Margherita a Venezia. Le presentai Alvise e da allora so che aveva seguito con particolare attenzione il suo interesse per il teatro anche quando in alcune occasioni lui partecipò a delle iniziative culturali in Università, dando il suo entusiasmo nella organizzazione degli spettacoli.

 

Parlavamo lo stesso difficile e bellissimo linguaggio

 

Mi è dispiaciuto molto non essere con voi sabato 22. Purtroppo ero in un momento di prove e, quindi, non potevo raggiungervi. Mi è dispiaciuto tantissimo, ma credimi, in qualche modo c’ero.

 

Forse, e voglio davvero pensarlo, c’ero in quella mia prova a teatro fatta con quella passione che Alvise avrebbe sicuramente amato, capito, e, quindi, condiviso, perché, in fondo, noi parlavamo lo stesso difficile e bellissimo linguaggio.