Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Fabrizio Schioppa PDF Stampa E-mail

Il suo professore di diritto, ma anche il figlio di Gennaro,  a cui sono legato da un grande affetto e da tanti ricordi.

Comunque due persone che Alvise ricordava spesso e per motivi diversi, anche negli ultimi anni, durante il periodo degli studi universitari. Gennaro poi lo avevo conosciuto molti anni prima, quando nei primi anni ’60, era stato mio professore di lettere in terza media, un giovanissimo docente, che ritrovai al mare, qualche anno dopo, era l’estate del 1968, quando suonavo con il mio gruppo “I Marottini” a Caorle in un locale che si chiama “La Rotonda” e lui fu dapprima sorpreso di trovarmi e poi contento.

Ed infine la nuova sorpresa di ritrovarlo negli anni ’90 come docente di Alvise.

Ora sicuramente sono insieme e staranno parlando anche del nostro passato.

 

Un ragazzo buono, leale e sensibile…

 

Caro Alvise,

sono passati diversi anni da quando ci siamo incontrati sui banchi di scuola, tu studente, io tuo professore di diritto, e mi ritrovo, oggi, a scrivere un mio ricordo di te riferito a quegli anni, che sembrano lontani.  Da quando te ne sei andato ti ho pensato spesso e mi ha fatto molto piacere ricevere, da tuo papà, l’ultimo libro della Fondazione che porta il tuo nome, perché in esso ho trovato alcune tue fotografie, che ogni tanto riguardo e che ho il piacere di conservare.

Quello che lui sta facendo, in tua memoria e nel tuo nome, è veramente incredibile; sono stupito da tanta instancabile iniziativa e da tanta capacità di organizzare, scrivere, pubblicare.

Più ancora, mi tocca veramente il cuore vedere quanto amore egli manifesti, ancora oggi, immutato se non accresciuto, per suo figlio. Sono contento che mi abbia chiesto di scrivere un ricordo di te.

Mi tornano spesso alla mente, infatti, gli anni, ormai trascorsi, della scuola e dell’insegnamento. Ti rivedo, nitidamente, in primo banco, sempre educato e gentile, lo sguardo mite, mai arrogante o nervoso, anche quando ti trovavi in difficoltà.

Avevi una compostezza che è non è comune trovare nei ragazzi a scuola.

Il tuo rapporto con la mia materia era un po’ condizionato dalla necessità di memorizzare tante pagine (problema, peraltro, comune a tanti studenti) ma, in classe, seguivi le lezioni sempre con attenzione e ti rammento assai interessato alle applicazioni dei vari istituti giuridici ai casi della vita quotidiana.

Eri un ragazzo curioso.  Del resto, credo tu convenga con me, era proprio questo, accanto ad altri più ostici, l’aspetto gradevole della materia: il poterla applicare ai problemi reali e concreti.

In ogni caso, nonostante in certi periodi, con lo studio, sia stata dura, ce l’hai sempre fatta ed io sono stato soddisfatto del tuo impegno. Ero un giovane professore esigente, forse un po’ rigido, ma ho amato i miei studenti ed ho cercato di far fruttare il tempo trascorso insieme. Spero, comunque, di averti lasciato un buon ricordo.

Negli anni passati ho parlato di te, qualche volta, con mio padre, che, guarda i casi della vita, era stato il tuo professore di italiano e, tanti anni prima, anche quello di tuo papà, che ricordava sempre con affetto.

Una volta mi ha raccontato che, verso la fine degli anni ’60, lo aveva trovato d’estate, al mare, che suonava con un gruppo, “I Marottini”: una passione per la musica che, so, avevi anche tu.

A scuola, alla fine dell’ora di lezione, svanita la tensione, a volte chiacchieravamo un po’. Ricordo, come fosse ora, quando mi raccontavi delle canzoni napoletane che ti piaceva cantare e dei libri che leggevi. Mio padre mi diceva che eri versato per la letteratura ed oggi, se fossi ancora qui e dovessi iniziare di nuovo le superiori, penso che, forse, sceglieresti una scuola meno tecnica e più umanistica. Anch’io ho sempre amato le materie letterarie.

Oggi non sei più tra noi, ma sono certo che, anche per te, la vita continui e che la morte non sia altro che un passaggio, un aprire una porta chiusa per entrare in un’altra stanza.

Chi muore in realtà continua a vivere, e non solo nel ricordo di chi è rimasto qui, ma vive, veramente, nello spirito: lo credo fermamente e mi piace pensare che oggi tu abbia ritrovato, là dove sei, il tuo vecchio professore di italiano, che ti voleva bene. Per noi che restiamo, la morte di una persona cara è un grande dolore e questo dolore diventa grandissimo, incommensurabile, assoluto, quando è quello di un genitore per la scomparsa di un figlio.

Ogni volta che leggo ciò che scrive tuo padre partecipo intimamente al suo dolore, lo sento mio e mi commuove sempre, perché solo un padre è in grado di comprendere che cosa possa significare sopravvivere al proprio figlio.

Ti ho sempre considerato un ragazzo buono, leale e molto sensibile, forse troppo, perché questo era quello che lasciavi trasparire: ogni tanto ci incontravamo la mattina in bicicletta, entrambi diretti a scuola, ed eri sempre cordiale nel saluto, apparentemente spensierato.

Oggi so che, dentro di te, non eri sempre sereno, e che soffrivi anche quando non lo lasciavi vedere.

Caro Alvise, voglio ricordarti così, con la tua bicicletta mentre vai a scuola, col sorriso sulle labbra ed i tuoi occhi azzurri.

So che un giorno ci incontreremo ancora e potremo chiacchierare serenamente, insieme, lontani dalla fatica di questa vita fisica, così spesso difficile da affrontare.

Nel frattempo, tu lo sai, ti sono vicino col cuore, e ti abbraccio forte.

 

 

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta