Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy
Home Il Ricordo Le lettere ricevute dai familiari Chiara Marotta: I ricordi di bambina e di ragazza
Chiara Marotta: I ricordi di bambina e di ragazza PDF Stampa E-mail

 

Figlia di mio fratello Giuseppe, è anche lei cugina di Alvise. Ricordo bene quando è nata e le tante occasioni familiari che vedevano insieme Alvise e lei con i suoi fratelli Lucia, Francesco, Marta, Anna e Pietro.

Sono tante le fotografie che li vedono insieme sorridenti  a casa dei nonni e a casa sua a Mirano.

Momenti di vita familiare che spesso tornano nella mia mente e che la sua affettuosa testimonianza, che mi è giunta mentre sto rivedendo tutte queste pagine poco prima di andare in stampa, mi pare evidente sia fatta con il cuore, proprio perché ogni parola mi porta ad Alvise e perché ha il pregio, come peraltro le altre che mi sono pervenute, di presentarlo come veramente era.

E allora, dopo aver letto quest’ultima mail, posso dire con molta convinzione che è rimasto nel cuore di tante persone e che questa è la sua vera eredità per tutti noi che gli abbiamo e gli vogliamo ancora bene: un sincero messaggio d’amore per tutti.

 

I ricordi di bambina e di ragazza

 

Devo dire che da tempo avevo promesso allo zio Umberto uno scritto su Alvise, mio cugino carissimo mancato prematuramente il 22 Marzo del 2002, a soli 24 anni.

Ed eccomi qua, io, con i miei semplici ricordi di bambina e di ragazza… la memoria non mi tradisce: ho ancora vivi, come fossero ieri, i tanti momenti trascorsi in allegria, proprio grazie ad Alvise.

Le volte in cui ci si ritrovava tra parenti a casa mia o dai nonni e noi cuginetti ci mettevamo a giocare in un angolino del giardino o in cameretta, ed il “re burlone” dei nostri giochi di bimbi diveniva proprio lui, Alvise. Quando giungeva il momento di salutarsi era sempre a malincuore che lo lasciavamo andar via!!...

Che dire poi di quella volta che ci incontrammo a Venezia. Eravamo entrambi studenti all’Università di Ca’ Foscari, in Lingue Straniere e ci trovammo per puro caso davanti ad una sede dell’Ateneo, credo di sbagliarmi se parlo di S. Alvise. Lì lui mi riconobbe subito, salutando addirittura da lontano me ed una mia amica. E cominciò sorridente ad intrattenerci, dimostrando tanta attenzione per come stavamo, incoraggiandoci nel portare avanti con tenacia il nostro percorso di studi e lasciando, anche dopo pochi attimi, un ricordo in noi, che è quello di una persona entusiasta della vita ed amorevole nel rapporto con gli amici.

L’amore per lo studio e, nel contempo, la sana voglia di divertirsi e coltivare le proprie amicizie giovanili, così io lo voglio ricordare.

Ed ancora: la bontà d’animo e quella “battuta sempre pronta”, la speciale vena umoristica che lo ha sempre caratterizzato, fin da piccolo: è per questo che un pensiero andrà ogni giorno a te, Alvise.

Per tutto ciò che mi hai insegnato, cugino mio. Per quello che mi hai dato, col tuo animo semplice e diretto.

E per quello che ti ha addolorato, e che non ho saputo cogliere fino in fondo. La mente ti aveva preso, con i pensieri brutti e deformi che solo lei sa creare, portandoti a non vedere più la luce, una via d’uscita ai tuoi dissidi interiori. E da lì è successo il peggio.

Forse qualcosa s’intravedeva in qualche sguardo o nelle tue parole. Io, allora, non ho colto la profonda mostruosità del dolore che ti avvolgeva ed in me si è fatto molto più silenzio. Tutto è cambiato. Perché sento di avere anch’io una mia parte di colpa.

Se riesci, perdonami. Scusami, Alvise e dal Cielo prega per tutti noi quaggiù, ne abbiam bisogno.

Tu sei e per sempre sarai il nostro “Angelo dal cuore grande”.

Ciao Alvise.

Ciao.

 

 

Nadia Marotta

 

Il Tuo cinque per mille

 

Aggiornamento Raccolta Fondi 

 

 

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille non sono alternative fra loro e non determina maggiori imposte da pagare. Il contribuente che riceve il CUD e che non è tenuto alla presentazione del modello Unico o non intende presentare il mod. 730, in quanto non ha altri redditi imponibili, può consegnare al datore di lavoro la sola scheda di destinazione del 5 per mille, nei modi e nei termini identici a quelli previsti per l'8 per mille.

  


Informazioni

Fondazione Alvise Marotta Onlus
Codice Fiscale: 90114620272
Via Colombo, 50
30173 Mestre - Venezia
Tel.: (+39) 041.610094
Fax.: (+39) 041.6396619

E-mail: info@alvisemarotta.org
Mappa del sito

Fondazione Alvise Marotta